BOLDINI, PITTORE DELLA BELLE EPOQUE

115 Opere di Boldini alla Reggia di Venaría

Dopo la rassegna che i Musei San Domenico di Forlì hanno dedicato a Giovanni Boldini, a cura di Francesca Dini e Fernando Mazzocca (Boldini. Lo spettacolo della modernità), e dopo la mostra Da Hayez a Boldini, a Palazzo Martinengo a Brescia, un’altra mostra, proveniente dal Vittoriano di Roma, celebra alla Venaría Reale questo pittore ottocentesco, nato a Ferrara, che visse a Firenze e a Parigi.

Paul Troubetzkoy, Ritratto di Giovanni Boldini 1912-1913, gesso patinato giallo ocra chiaro.

Contemporaneo dei Macchiaioli e degli Impressionisti, percorse un proprio itinerario senza apparentamenti di comodo. O di scomodo, visto che Boldini, col suo stile frizzante e i suoi soggetti altolocati, riuscì a vivere più comodamente di molti suoi contemporanei. Continua a leggere

«CASA MARGHERITA»: UN PARADISO SULL’APPENNINO LIGURE-PIEMONTESE

Inaugurato a Cremolino, in provincia di Alessandria, uno straordinario Wellness B&B che unisce relax, cultura e buon gusto

Sabato 1 luglio ha avuto luogo l’inaugurazione a Cremolino, sulle verdi colline dell’appennino ligure-piemontese, di «Casa Margherita», un Wellness B&B creato con particolare attenzione al relax e al benessere. «Casa Margherita» dista meno di 40 km da Genova ed è facilmente raggiungibile anche da Milano e da Torino. Il suo indirizzo è Via Piazze 3, Cremolino.
Continua a leggere

SELVATICA – L’ARTE DELLA NATURA A BIELLA

Merita di essere visitata la kermesse annuale di Selvatica, organizzata da sei anni a Biella e nel Biellese per coniugare nelle sue diverse declinazioni il binomio che unisce “Natura” a “Cultura”, che affianca, tra le altre iniziative, gli scatti selezionati del concorso fotografico Nord-Ovest Naturae alle opere pittoriche del concorso nazionale Be Natural/Be Wild. Continua a leggere

LA BATTAGLIA DELLE ARANCE AL CARNEVALE D’IVREA

Domenica Venditti, la “Mugnaia” del 2017, con il “Generale” Claudio Ferrero al Borghetto.

Tutti gli anni a Ivrea, durante il Carnevale, i cittadini scendono in strada per rievocare e celebrare la storia di Violetta la Mugnaia, costretta, secondo il principio medievale dello “jus primae noctis”, a passare la prima notte di nozze con il signorotto della città. Continua a leggere